19.1 C
Comune di Arezzo
venerdì, Maggio 27, 2022

Avola, arbitro inseguito e minacciato con una pistola

Da leggere

Rissa in campo e tensioni fuori al termine del match con la Rg di Siracusa: tre colpi sparati in aria con l’arma a salve. Multa di 1.000 euro alla società di casa

Rissa in campo, con un calciatore che colpisce l’avversario con un calcio al petto, poi le tensioni che continuano fuori dal campo e culminano con tre spari da una pistola a salve per minacciare l’arbitro. È accaduto mercoledì scorso ad Avola (Siracusa) nella sfida tra under 17 contro la Rg di Siracusa e la storia è emersa dopo la sentenza del giudice sportivo che ha inflitto una multa di 1.000 euro alla società “per il reiterato contegno offensivo e minaccioso, da parte di propri sostenitori” e poi perché “i sostenitori, avvicinata l’autovettura dell’arbitro, assunto contegno offensivo nei confronti dello stesso. Uno dei facinorosi ha minacciato il direttore di gara con una pistola a salve, prima puntandogliela contro e poi esplodendo tre colpi in aria”.

La denuncia—  

Il direttore di gara è stato inseguito da alcuni sostenitori della squadra di casa, infuriati per il risultato della gara conclusasi per 2-2. E uno di loro, mentre l’arbitro stava per recarsi in auto ed andare via, ha estratto l’arma, poi risultata essere a salve, e premuto il grilletto. Il presidente della Lega nazionale dilettanti Sicilia, Sandro Morgana, ha condannato l’episodio: “Quello che è successo ad Avola questa settimana in occasione di una partita di calcio di under 17 è un gravissimo, va condannato e preoccupa moltissimo”. Morgana ha annunciato che presenterà un esposto in procura.

Ultime notizie

Anche la sanità presa di mira da hacker, cybersecurity in prima linea

Dagli hacker in finta fila al pronto soccorso per accedere alle reti degli ospedali alle chiavette abbandonate appositamente alla...

Altri articoli come questo