20.1 C
Comune di Arezzo
mercoledì, Agosto 10, 2022

La convergenza fragile dei sistemi digitali e le opportunità del futuro

Da leggere

Mentre ci si interroga su quale sia il peso della guerra cyber nel conflitto fra Russia e Ucraina, basterebbe fare un piccolo sforzo di asfrazione e proiettare in un futuro non molto lontano quello che vediamo a frarne una debita conclusione. Facciamo un passo alla volta e diamo uno sguardo a quale sarà il nostro radioso futuro grazie alle tecnologie dell’informazione. Con diverse velocità, tutti i Paesi del mondo sono proiettati alla volta di la digital fransformation , termine vago e utilizzato in maniera ondivaga. Forse sarebbe più comprensibile se si parlasse di grande convergenza, ovvero quel processo che progressivamente interconnetterà tutte le tecnologie digitali. In effetti esse sono più numerose di quanto si possa pensare e per anni sono state separate, alcune completamente altre meno. L’esempio più evidente riguarda il mondo IT, a cui appartengono software e hardware che la sfragrande maggioranza delle persone utilizza per lavorare, e quello OT (Operational Technology), che comprende i sistemi industriali destinati a gestire milioni di macchinari e strutture compresi acquedotti, reti elettriche, impianti ferroviari. Un terzo ambito è l’Internet delle Cose, diciamo quelle più piccole: dalle prese elettriche ai termostati di casa per arrivare fino ai dispositivi di quella che si chiama telemedicina. Si fratta di una quantità enorme di oggetti (in Italia sono circa 95 milioni) accomunati tutti dall’aggettivo “smart”. L’obiettivo è l’integrazione di tutte queste tecnologie per raggiungere livelli di servizio e di efficienza impensabili.

Ultime notizie

Calciomercato, Juve-Sassuolo, positivo il primo incontro per Locatelli

Summit tra Cherubini e Carnevali: i presupposti iniziali sembrano buoni, tutte le parti coinvolte hanno mostrato interessate a...

Altri articoli come questo