28.9 C
Comune di Arezzo
martedì, Giugno 28, 2022

Calciomercato Napoli: la sfida è trovare il nuovo Mertens

Da leggere

Nessun rinnovo per il miglior marcatore della storia del club. Il belga ha quasi 35 anni e la società ha deciso di girare pagina. Come? È ancora un rebus

Come una favola nelle sue ultime pagine, ma stavolta capisci che non ci sarà lieto fine. Nonostante l’intenzione di Dries Mertens di continuare la sua esperienza in azzurro dalla proprietà del Napoli non è emersa alcuna volontà di rinnovare il contratto. E non si tratta solo di clausole. Perché che il club non intenda esercitare l’opzione automatica che ha con l’attuale accordo – per circa 5 milioni netti all’anno – lo si può capire visto la dieta che sta operando sugli ingaggi. Ma Mertens sarebbe disposto anche a discutere su cifre diverse, più basse, solo che questa volontà di discutere del club non c’è stata e il belga ora deve pensare al proprio futuro perché ha come obiettivo arrivare ad essere convocato per il suo terzo mondiale, un obiettivo che pochi calciatori riescono a raggiungere. Per farlo ha bisogno di giocare e ultimamente col Napoli capita sempre meno, a dispetto dei suoi numeri eccezionali in azzurro.

Obiettivi—  

Già perché siamo alla nona stagione di Mertens al Napoli e gli manca un gol per raggiungere un record difficilmente eguagliabile: tutte le sue annate azzurre si sono concluse in doppia cifra di gol. In questa è arrivato a quota 9 (7 in campionato, 1 in Europa League e 1 in Coppa Italia: unico calciatore del Napoli ad aver segnato in tutti e tre i tornei) e dunque gli manca solo un centro. Ma al di là degli obiettivi personali del belga e delle perplessità sul perché giochi poco valutando una certa difficoltà della squadra a far gol, si pone ora un grande quesito. Dalla risposta complicata. Come sostituire dalla prossima stagione i gol che garantisce Mertens al Napoli?

Sostituto—  

Parliamo del capocannoniere di tutti tempi (144 reti) di un giocatore molto intelligente e dai piedi educati che negli anni ha saputo trasformarsi da esterno offensivo a centravanti vero, poco falso per la capacità di vedere la porta con continuità. Certo discettiamo di un atleta di quasi 35 anni, che prima o poi il Napoli dovrà sostituire. Ma farlo realmente – e oggi, non domani, vista la mancata volontà di rinnovare – diventa un rebus. O meglio una scommessa che solo il tempo dirà se giocata bene. Anche perché va detto che quando nel 2013 il club allora allenato da Benitez ingaggiò Dries dal Psv Eindhoven nessuno pensava di avere preso il miglior cannoniere di sempre.

Ultime notizie

Italia-Spagna, le pagelle: Di Lorenzo anello debole, 5. Chiesa e Chiellini trascinatori da 7

Italia-Spagna, le pagelle: Di Lorenzo anello debole, 5. Chiesa e Chiellini trascinatori da 7Altra gara complicata per il nostro...

Altri articoli come questo