19.1 C
Comune di Arezzo
venerdì, Maggio 27, 2022

Champions, Atletico Madrid-Manchester United 1-1: gol di Joao Felix e Elanga

Da leggere

La squadra di Simeone domina a lungo, segna e colpisce due traverse. Ma a 10 minuti dalla fine un errore di Reinildo permette allo svedese di pareggiare

Il Manchester United ringrazia Elanga che entra al 75′ e poco dopo pareggia una partita che l’Atletico Madrid aveva in mano e avrebbe meritato di vincere (un gol, due traverse e dominio del gioco per lunghi tratti). Simeone si mangia le mani, il ritorno in Inghilterra dopo questo 1-1 si presenta più difficile.

dominio atletico—  

La furia agonistica dell’Atletico Madrid si vede fin dai primi secondi. Pressione asfissiante, ossessiva ricerca del pallone, aggressività in ogni zona del campo. In quel vortice, il Manchester United si perde subito, i suoi giocatori sembrano quasi rimpicciolirsi nel confronto con gli scatenati avversari. Non è quindi un caso che già dopo 7 minuti la squadra di Simeone sia in vantaggio: cross da angolo di Renan Lodi e colpo di testa di Joao Felix, con la palla che picchia sul palo e sfila alle spalle di De Gea, inchiodato sulla linea di porta. La reazione degli inglesi è timida, il giro palla lezioso. Dai pochi attacchi, mai davvero pericolosi, lo United riesce a spremere soltanto un paio di calci d’angolo. L’Atletico alza e abbassa la pressione a proprio piacimento e in mezzo al campo Kondogbia soffoca Pogba, che quando non perde palloni li spreca con giocate sballate o prevedibili. Cristiano Ronaldo viene sommerso di fischi e colpito, in qualche caso, in modo ruvido. CR7 protesta, chiede cartellini gialli, senza però ottenere “giustizia” dall’arbitro. Negli ultimi dieci minuti l’Atletico Madrid crea le basi per un raddoppio che sarebbe meritato, ma che non arriva perché la conclusione di testa di Vrsaljko sbatte contro la traversa, con la deviazione decisiva di Lindelof.

pogba non ci sta—  

Nella ripresa ci si aspetta un Manchester più aggressivo e meno passivo di quello visto nel primo tempo. Qualcosa si vede, più nella combattività che nelle idee. La partita si arroventa e l’arbitro, che per tirare fuori il primo cartellino aveva aspettato il recupero del primo tempo, sventola gialli a ripetizione (quattro tra il 50′ e il 65′). Rangnick ne cambia tre in un colpo solo: fuori Pogba (indispettito, ma pure indifendibile), Lindelof e Shaw, dentro Matic, Wan-Bissaka e Telles. Ronaldo, che quest’anno in Champions aveva sempre segnato quando era sceso in campo, non viene mai messo nelle condizioni di poter far male e quando ha lui la possibilità di farlo (su punizione) spreca malamente. L’Atletico pensa di poter reggere, ma un errore di Reinildo permette al Manchester di pareggiare, con Elanga appena entrato in campo (80′). E’ una beffa per Simeone, che potrebbe costare cara nel ritorno in Inghilterra. La seconda traversa colpita nel finale da Griezmann non fa altro che aumentare i rimpianti del tecnico.

Ultime notizie

Coppa Italia, le date dell’edizione 2021-2022

Il nuovo format rivoluziona l’assetto tradizionale della competizione: si parte l’8 agosto col primo turno preliminareStefano Carnevale Schianca 12...

Altri articoli come questo